“Navigazione avvisato – educare non vietare”, avvenimento per l’iniziativa dell’associazione pena e serenita

“Navigazione avvisato – educare non vietare”, avvenimento per l’iniziativa dell’associazione pena e serenita

E’ status un caso la precedentemente delle tavole rotonde on line sul tema “Navigazione avvisato – insegnare non vietare”. Un concezione ideato e promosso da Salvo Troina, in precedenza direttore responsabile della pubblica sicurezza postale e aiuto responsabile dell’associazione ragione e quiete.

L’iniziativa e sovversione verso genitori e docenti dell’Istituto indulgente Giovanni scettro di Catania e delle scuole cosicche hanno aderito, gli istituti comprensivi: “Vitaliano Brancati”, “Vittorino Da Feltre”, “Livio Tempesta”,”San Giovanni Bosco”, “Fontanarossa”, “Giovanni Parini”, “Coppola-De Sanctis” e il cerchio educativo “Edmondo De Amicis”.

Il progetto e status condiviso dal consueto di Catania e sono state adatto Barbara Mirabella, assessore alla pubblica sapere, operosita e averi culturali, pari utilita e grandi eventi e Giusy consolazione, titolare delle politiche scolastiche vicino il Comune di Catania, ad ampliare l’incontro, sottolineando giacche il familiare ingresso forza, nelle scuole, diversi progetti sulla giustizia e , di intesa unitamente la Polizia postale, organizza incontri rivolti agli alunni attraverso anticipare i pericoli del web. «Abbiamo accolto e condiviso – hanno detto – il piano dell’associazione “Giustizia e pace”, rivolto per genitori e docenti, perche amplia presente sfondo prestigioso di insegnamento e prevenzione, coinvolgendo coloro in quanto sono il iniziale tutela formativo, perche acquisiscano le competenze essenziali, attuino le strategie necessarie durante controllare la viaggio di figli e discenti e sappiano distinguere cio che e regolare succedere, allontanando panorami distorti affinche seminano devianze».

L’iniziativa e stata seguita da dall’altra parte 90 partecipanti, entro genitori e docenti. Tutti hanno sentito con capace attenzione le lezioni tenute da tranne Troina, relatore luminoso e puntuale. Troina ha ribadito in quanto «I ragazzi non devono avere luogo lasciati soli nella navigazione e occorre preparare il campo di sbieco il discorso, perche unito non si comunica, si e esagerato presi dal messaggiare, ognuno col appunto furgone carcerario, e si perde la amenita della definizione, del ritrovarsi totalita e dello “stare attenti al rischio dell’incomunicabilita”, simile come raccomanda pontefice Francesco». Il oratore ha celebre quegli affinche puo presentarsi “internet buono”, indicando alcune app, mezzo “Drive&listen”, in quanto consente di muoversi nelle varie agglomerato del umanita mezzo nel caso che si fosse con vettura, acquisendo notizie, curiosita e respirandone l’atmosfera e “Senza angoscia stop al bullismo”. Il oratore ha ambasciatore durante chiarezza il parte ignorato di “Youtube kids”, cosicche dovrebbe colare contenuti eccetto adatti ai bambini, ma per positivita e un citta breve abile, perche vi si puo covare l’Elsagate, vale a dire contenuti inappropriati, ad modello scene cosicche possono turbare la intelligenza dei bambini che la sessualizzazione dei personaggi di Walt Disney, mutilazioni e seguente.

Di compagnia ha parlato dei pericoli legati al sexting (attivita di partecipazione di contenuti di carattere sessuale tra utenti inviati collegamento smartphone e reti social) al body shaming (aspetto di bullismo documento perche consiste nel schernire una soggetto in il suo forma erotico), al net gaming (succursale dai giochi di tranello). Verso codesto e fondamentale perche il padre dia ai figli un epoca ristretto da riservare ai giochi. In conclusione, Troina ha parlato del social Tik Tok e delle sue a volte moderatamente affidabili challenge.

«Fate concentrazione ai vostri figli e discenti nel caso che presentano segni fisici, nell’eventualita che sono svogliati e non studiano con l’aggiunta di mezzo prima o se sono distratti – ha favorito -. Questi comportamenti vanno attenzionati perche nascondono un disagio». Il relatore ha presentato delle strategie di controllo e per app e ha mostrato giacche di traverso l’app YouPol della Polizia postale si puo mostrare mantenendo l’anonimato. Carola Tirenna, riferimento in la difesa e il battibecco del fatto del cyberbullismo dell’Ic Giovanni bacchetta, ha terminato ringraziando l’associazione Giustizia e armonia e facendosi incaricato di genitori e insegnanti in quanto chiedono estranei incontri analoghi.